Visite: 1566

ROSSELLA M. – CATANZARO – Testimonianza: “Un'unione matrimoniale ritrovata"

Ho conosciuto Caterina negli anni Ottanta tramite alcune persone del “Rinnovamento dello Spirito” con le quali all'epoca pregavo almeno una volta la settimana. Sono stata sempre molto credente e semplice perché pensavo che nulla di brutto potesse accadere alle persone rispettose dei comandamenti e delle leggi di Dio. Ma, ovviamente, mi sbagliavo.

Mi ero sposata nel 1978 con tutte le carte in regola nel senso che ero profondamente innamorata di mio marito e pensavo di costruire con lui un rapporto di amore vero e sincero ed una splendida famiglia con tanti figli da amare e da accudire. Purtroppo, però, per tutta una serie di ragioni di cui ci si rende conto, come spesso avviene, solo dopo, nonostante tra me e mio marito ci fosse un sentimento molto forte, il nostro rapporto non è stato sin dall'inizio come io avrei voluto. Io mi logoravo giorno dopo giorno e cercavo in ogni modo di spiegargli come deve essere, secondo me, una famiglia veramente cristiana, ma lui non voleva sentire ragioni e riteneva responsabile me dei contrasti tra di noi definendomi addirittura pazza e cattiva. Sapevo di non essere nessuna delle due cose, ma questa situazione rischiava di farmi impazzire veramente. Potevo porre fine a tutto questo separandomi, ma credevo e credo nell'indissolubilità del matrimonio e poi non ritenevo giusto fare crescere i nostri figli senza il padre per poter vivere meglio io. E così, ben conscia della scelta che facevo, ma fiduciosa sempre in Dio, ho accettato la mia croce dicendogli sempre :"Signore eccomi, io sono qui. Sia fatta la tua volontà Dimmi cosa vuoi che io faccia. Aiutami, ti prego. Sono pronta a sacrificare la mia vita, ma Tu non mi abbandonare". All'epoca mi recavo a casa di Caterina dove assieme a tante altre persone recitavamo il Santo Rosario e da li traevo la forza per andare avanti e per sperare, sperare sempre. Tutti si rivolgevano a Caterina perché chiedesse un qualcosa alla Madonna. Avrei voluto raccontarle cosa vivevo ma la vergogna mi ha sempre bloccata. Un giorno, però, sono riuscita dopo il Rosario ad avvicinarmi a lei e vincendo me stessa e la vergogna che avevo dentro le ho domandato se poteva chiedere alla Madonna se io ero pazza o cattiva. La risposta mi ha sollevato e dato tanta forza perché a furia di sentirmelo ripetere ogni giorno, mi stavo convincendo che forse ero veramente tutte quelle brutte cose. Intanto, però, la mia salute diventava sempre più precaria con malattie continue ed interventi chirurgici. Da Caterina ormai andavo sempre più raramente anche se non mancavo di recitare il Santo Rosario da sola. E così gli anni sono passati ed io avevo ormai definitivamente smesso di andare da Caterina finché un giorno del mese di maggio del 2006 ho incontrato una mia cara amica che non vedevo credo da trent'anni e grazie a lei, dopo un po’ di tempo ho ripreso ad andare da Caterina e a recitare il Santo Rosario non più a casa sua, ma all'aperto. Le cose tra me e mio marito all'apparenza andavano bene, ma io avevo dentro un'angoscia che mi attanagliava il cuore, percepivo un presagio di grande dolore. Ogni volta che parlavo di questo con mio marito lui mi tranquillizzava giurando il falso, ma io sentivo dentro che mentiva, ma lui negava, negava sempre. Nel mese di settembre, fiduciosa, mi sono rivolta a Caterina e le ho detto semplicemente di questa mia angoscia senza però nulla specificare in merito. Le ho solo chiesto di pregare per me la Madonna perché mi togliesse dal cuore questa sofferenza. A distanza di pochissimo tempo, precisamente il 16 novembre dello stesso 2006 ho finalmente scoperto con prove documentali inconfutabili, cosa c'era oltre la siepe nel rapporto tra me mio marito e questo era il motivo del mio forte malessere. Inutile dire quello che si può soffrire quando si scoprono cose a cui non si è mai minimamente pensato. Mi è crollato il mondo addosso, volevo solo separarmi da quell'uomo che avevo tanto amato, ma che aveva tradito la mia fiducia. Mi sono ancora una volta affidata a Caterina e alle sue preghiere andando spesso di nascosto da mio marito a recitare il Santo Rosario. Nei momenti di grande disperazione, Caterina mi diceva di avere fede e continuare a pregare perché :"Nulla è impossibile a Dio". E così ho fatto abbandonandomi completamente alla volontà di Dio. L'alta tensione tra me e mio marito è durata ovviamente a lungo e ogni tanto anche oggi mi prende la disperazione per quello che è successo. Ma cerco, sia pure con grande dolore, di allontanarla perché adesso mio marito ha finalmente deciso di voler essere un uomo nuovo, sia pure dopo che è stato scoperto. Da mesi ormai alla recita del Santo Rosario andiamo assieme il lunedì, cosa che non avrei mai potuto ritenere possibile e allora dico anch'io, come Caterina, che nulla è impossibile a Dio e la storia di trent'anni della mia vita, raccontata in poche righe ne è la prova. Mi auguro che questa mia testimonianza possa essere di aiuto a tutte le persone che la leggeranno per rendere meno pesante la loro sofferenza di qualunque natura sia. E allora dico loro di non disperare mai e di non perdere mai la fede e la speranza, perché Dio non abbandona mai i suoi figli e le preghiere, specie il Santo Rosario, sono lo strumento più potente a nostra disposizione per sconfiggere il male che in un modo o nell'altro si insinua nella nostra vita per distruggere noi e le nostre le famiglie. E comunque, oggi non penso più a quale prezzo ho pagato la conversione di mio marito. Quello che conta non è più quello che ho sofferto io per lui e quello che anche lui ha sofferto una volta scoperte le sue malefatte. Quello che conta è ciò che noi siamo ora. E. ed io preghiamo assieme non solo quando andiamo da Caterina. Entrambi la ringraziamo sempre di tutto.

In fede

Rossella M.

Catanzaro, 16 marzo 2008, Domenica delle Palme

Testimonianza rilasciata in forma scritta. Documento originale firmato, registrato ed archiviato. - E' vietata qualsiasi forma di duplicazione dei contenuti senza la necessaria autorizzazione scritta. Tutti i diritti riservati. Copyright 2008-2016.